a
Diagnostica e Prevenzione al tuo servizio
Lun-Ven: 07.30–12.30 / 15.30–19.30 Sab: 07.30–12.30
(+39) 089 221311
info@centrodiagnosticoventre.it

Custom icon Struttura sanitaria convenzionata con il Sistema Sanitario Nazionale

Custom icon Strumenti diagnostici all’avanguardia

Custom icon Servizio prelievo domiciliare

Il Centro

Un punto di riferimento per la Diagnostica di Laboratorio da oltre 40 anni

L’esperienza maturata nel corso degli anni ci consente di fornire prestazioni sanitarie di Medicina di Laboratorio con la massima rapidità e attendibilità, attraverso un controllo di qualità interno ed esterno.

Il costante adeguamento tecnologico delle attrezzature, la continua formazione del nostro personale, il monitoraggio e il perfezionamento dei servizi erogati, la disponibilità e la cortesia nei confronti del paziente costituiscono i capisaldi della nostra struttura.

Guida alle analisi

Informazioni e consigli utili per i nostri pazienti

Profili diagnostici e Check-up

Clicca qui e richiedi un controllo completo

Esami specifici

Lattosio Breath Test

Il test più sicuro e affidabile per la diagnosi di intolleranza al lattosio è l’H2 Breath Test, che valuta la presenza di idrogeno nell’espirato prima e dopo la somministrazione di 50 gr. di lattosio, prelevando 9 campioni di aria ottenuti facendo soffiare il paziente in una sacca a intervalli regolari (ogni 30 minuti), per un tempo massimo di 4 ore.
In caso di malassorbimento del Lattosio, dopo l’assunzione di quest’ultimo, in assenza dell’enzima che deve metabolizzarlo (Lattasi), nell’intestino si verificano processi di fermentazione, con relativo aumento di produzione di H2, che viene assorbito in circolo ed eliminato attraverso i polmoni con il respiro.
In condizioni di normalità nell’intestino si produce un quantitativo minimo di H2: l’aumento di quest’ultimo nell’espirato, dopo l’assunzione di Lattosio, dimostra un mal assorbimento di varia entità (lieve, moderato o grave).

Helicobacter Pylori Breath Test

È una metodica rapida, semplice, riproducibile ed economica che individua la presenza di Helicobacter pylori nella mucosa gastrica, sfruttando l’attività ureasica del germe.
Viene eseguito generalmente al mattino, dopo un digiuno di almeno 6 ore. Si somministra al paziente una bustina di citrato di sodio e dopo 10 minuti, soffiando in un’apposita provetta, viene raccolto un primo campione di aria espirata. Viene quindi somministrata al paziente una piccola compressa di Urea-C13 e, dopo circa 30 minuti, viene raccolto un nuovo campione di aria espirata in un’altra provetta.
L’ urea, in presenza dell’ureasi dell’ Helicobacter, viene scissa in ammoniaca ed anidride carbonica che, dopo essere stata assorbita, passa in circolo e viene eliminata col respiro e misurata con uno spettrometro di massa. La quantità di CO2 espirata sarà maggiore del normale in pazienti con infezione da H. pylori.

Intolleranze alimentari

Le intolleranze alimentari sono delle reazioni ostili dell’organismo ad alcune proteine alimentari. Attraverso un semplice prelievo di sangue e l’uso di una metodica ELISA, altamente standardizzata, è possibile conoscere gli alimenti che possono disturbare il nostro organismo. L’eliminazione di questi alimenti, per un periodo di 4-6 mesi e l’eventuale reintroduzione graduale di questi alimenti nella dieta quotidiana puo’ indurre un miglioramento della sintomatologia. È opportuno che la dieta ad eliminazione venga condotta con la supervisione di uno specialista della nutrizione.

Test di Paternità e di Consanguineità

Il test di paternità permette di confermare o escludere il rapporto di parentela in modo esclusivo. Può essere richiesto ad uso legale o semplicemente ad uso informativo: quest’ultimo totalmente anonimo e riservato.

HPV TEST

L’ HPV TEST è un test che permette di rilevare la presenza del virus HPV con maggiore accuratezza e sensibilità rispetto al classico PAP TEST. Questo test consente di identificare con grande anticipo le donne a rischio di sviluppare questa malattia.

Malattie sessualmente trasmesse

Il test consente di rilevare la presenza di 7 patogeni, causa di infezioni sessualmente trasmesse (STI): Chlamydia trachomatis (CT), Neisseria gonorrhoeae (NG), Mycoplasma genitalium(MG), Mycoplasma hominis (MH), Trichomonas vaginalis (TV), Ureaplasma urealyticum (UU) e Ureaplasma parvum (UP).

Blog

La nostra attività al tuo servizio: informazioni, approfondimenti, eventi

Problemi alla Tiroide: ecco chi può soffrirne

[…]

Helicobacter Pylori: rischi ed esami preventivi

[…]

Infezioni sessualmente trasmissibili: il ruolo della Microbiologia molecolare

[…]